Informativa sull'uso dei cookie

Sto per raccontarvi una storia che sa d’incredibile ed invece è capitata al mio Rudy… già da voi conosciuto come fortunato coniglietto sopravvissuto all’encefalitozoonosi… Rudy vive nel grande giardino davanti, suo padre e suo fratello in quello retro casa poiché insieme proprio non ci possono stare… si scannano.
Rudy più che un coniglio sembra un cane da guardia, il suo trono è il tappetino davanti l’entrata, la mattina è il primo a dare la buona giornata, apri e lui precipita dentro…

Dopo la malattia è rimasto parzialmente cieco, quando piove è un dramma, l’acqua fa perdere i suoi odori e punti di riferimento e lo vedi smarrito… durante le vacanze, consigliata dalla veterinaria sono rimasti a casa nel loro habitat, i miei si sono trasferiti da me e i vicini di casa hanno dato una mano per tenerli costantemente sott’occhio.
due giorni prima del mio rientro, mia madre in lacrime mi chiama, non sa come dirmelo, RUDY è SPARITO!!!
Durante la notte c’è stata una grossa burrasca… noi a 1000km andiamo in tilt… tutto il vicinato lo cerca, c’è chi suppone l’abbiano portato via, magari messo in pentola(magro pasto pesa neanche un kg)… il giardino non presenta buchi, lui non salta fuori, le speranze si restringono… noi abbiamo la nave prenotata, non possiamo anticipare il rientro… ma finalmente partiamo!!!
Quando varco il cancello, cado nel vuoto più totale… Rudy non c’è più, fedele mi aveva aspettata 13 giorni, lì sul tappetino… il tappetino era lì ma rudy no… piango e mi sento lo stomaco stretto…

Eppure non riesco a darmi per vinta, non credo all’ipotesi del rapimento, quella notte c’era stata tanta pioggia, lui come sempre si sarà sentito smarrito… eppure il giardino sembra ben sigillato… con ancora i bagagli fuori dalla porta comincio a setacciare i miei 200 mq di giardino… deve aver piovuto tanto, noto un cedimento di terra a confine con il recinto, sposto le foglie… c’è un buco, capperi!!! Rudy disorientato ha trovato un varco ed è passato di lì… sono passati ormai due giorni, chissà dov’è, forse un cane ne ha fatto banchetto, un’auto l’ha stirato, eppure l’hanno cercato ovunque… io non demordo, dopo un’ora dal rientro, mio marito ha già stampato 30 avvisi con foto, li appiccichiamo dappertutto… NIENTE!!!

Non demordo… andiamo nel quartiere vicino (pare assurdo cercarlo qui è abbastanza lontano da casa mia, ci sono strade pericolose da attraversare), suoniamo campanello per campanello e qui MIRACOLO i primi avvistamenti… pare che una signora dopo essere stata morsicata per bene, l’abbia preso con sé pensando fosse scappato e per salvarlo dal pericolo della strada… giriamo fino a notte sbirciando ovunque… tutti sanno della nostra storia, ci aiutano… la mattina seguente una signora ci suona… l’ha visto nel giadino della sua vicina… COOORRRIAAAMMMOOOO
…è LUI!!!! suoniamo, la signora ci apre, sapeva che un coniglietto così ben curato aveva una casa, si era già affezionata ma è felice per noi… voglio ricompensarla, lei non vuole, allora le prometto un figlioletto di rudy, perché tra breve avrà un’amichetta… lei è contenta!!! Voliamo a casa Rudy è a dir poco frastornato, passa tutta la giornata in una zona del giardino…
La mattina seguente apro la porta, non subito ma dopo una decina di minuti eccolo in arrivo… sono ormai due giorni che ha ripreso possesso del tappetino… sta bene… è sereno… abbiamo sigillato e rinforzato le recinzioni… tipo prigione di massima sicurezza… e forse sabato arriva per lui un’arietina tutto pepe…
RUDY é RITORNATO A CASA!!! siamo stati tutti troppo male, io ne ho anche ricavato due kg in meno che male non fa…
Abbiamo un angelo protettore… è la seconda volta che la scampa… forse è la mia adorata Bianca (sua madre) che da qualche parte del cielo sta gli dando la sua protezione… forse è così…

saluti a tutti
by Barbarella felice

Protty
Protty è stato un coniglietto vissuto dal 1999 al 2005. Nell'autunno del 2000 - col suo amico umano Roberto e la sua compagna Susina - ha dato vita a un sito Web: protty.it, che negli anni è diventato una community che ha raccolto moltissimi appassionati.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*